L'arte è tutto ciò che nasce dal sogno, e plasmato dalle mani dell'uomo diventa realtà....

mercoledì 28 marzo 2012

Strudel di ricotta

Quando la mia bisnonna, Tona, lo preparava, non sapevamo mai cosa ci avremmo trovato dentro, non seguiva una ricetta ben precisa per il ripieno, ci metteva quello che trovava al mercato, un giorno noci, un giorno pinoli, un giorno granella di nocciole ed uvetta, un giorno tutto insieme, ovviamente, l'unico ingrediente immancabile erano sempre le mele.
La ricetta della pasta però, nel corso degli anni non è cambiata, è passata dalle mani della mia bisnonna Tona, alle mani di mia nonna Etta, che poi a sua volta l'ha data a mia mamma Duska, che l'ha data a me.
Io tra tutte sono quella che in cucina fa più l'alternativa, e mi invento un sacco di cose, e come la mia bisnonna cambiava la frutta secca a seconda di quello che trovava, io, stravolgo il ripieno a seconda dei miei gusti.
"Il segreto per fare un ottimo Strudel è stendere bene la pasta, sottile, sottile!" mi ha sempre detto mia nonna quando lo preparava, ed anni fa, quando per la prima volta provai a prepararlo ero nel panico, pensavo che "sottile" in quel momento non significava niente, "quanto sottile?E se poi la faccio troppo sottile!?O se invece rimane troppo spessa?", sono cresciuta con mia mamma che mi diceva che tirare la pasta per lo strudel è difficile, e poi si rompe, si spacca in cottura, si secca...
Prendi, impasta, stendi, riempi, arrotola, inforna....Mica tanto male il risultato...
Il ripieno che di certo preferisco è quello che preparai per il mio primo strudel, feci due rotoli, uno classico alle mele, l'altro pere e scaglie di cioccolato, senza dubbio quello che tutt'oggi preferisco!(Nella foto strudel pere e cioccolato, e strudel mele uvetta e frutta secca)
Ieri però, e mi scuso per la pessima foto, ma così imparo a lasciare incustodito uno strudel appena sfornato in cucina, ieri ho deciso di farlo alla ricotta.
Siccome la cioccolata che avevo a disposizione mi occorreva per un altro dolce, ho optato per dei canditi che avevo da parte, ed ho fatto uno strudel di ricotta e canditi.
Dato che così non mi sembrava abbastanza goloso, ho pensato bene di caramellarlo....
Spero vi piaccia!!!!!
Nelle foto potete vedere sia lo strudel alla ricotta, che quello pere e cioccolato e mele e frutta secca.

Strudel di Ricotta


Ingredienti per 4 persone:

Per la crema di ricotta

400 g di ricotta
6 cucchiai di zucchero
6 cucchiai di canditi
gocce di cioccolata a piacere

Mescolate tutti gli ingredienti e mettete da parte a scolare l'acqua in eccesso.

Per la pasta:

200 g di farina
3 cucchiai di burro o di olio evo (circa 35/40 g)
1 uovo
acqua tiepida


Fate fondere il burro, disponte la farina a fontana sul pianbo di lavoro, sbattete leggermente l'uovo, unirlo al centro della farina, assieme al burro, impastate, ed aggiungete acqua, non troppa, fino ad ottenere un composto liscio e lavorabile, che farete riposare un ora in frigorifero prima di iniziare la farcitura.
Solitamente mia nonna lo imburrava prima di farcirlo, ma dato che questa è la versione alla ricotta, ho saltato il passaggio.

Stendete la sfoglia in un gran rettangolo, farcitela con la ricotta ed arrotolate lo strudel.
Adesso io l'ho voluto croccante caramellato, ed è molto semplice, basta sbattere un tuorlo e poi spennellarlo sulla superfice dello strudel e spolverarlo MOLTO abbondantemente con lo zucchero di canna.
Infornate a 200° fino a cottura.


Con questa ricetta partecipo al contest:

So che la scadenza è veramente vicinissima, ma partecipate!!!!!

2 commenti:

  1. vieni un pò a vedere!!!!!http://blog.giallozafferano.it/cucinagialla/la-vincitrice/

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails