L'arte è tutto ciò che nasce dal sogno, e plasmato dalle mani dell'uomo diventa realtà....

mercoledì 14 agosto 2013

L'arte nel Piatto (Versione Estiva)

Sono giorni che sono in attesa di scrivere questo post, giorni interminabili, perchè questa è una ricetta di cui vado molto fiera.
Non è niente di particolare  o elaborato, non ci sono ingredienti strani o introvabili, ed è una ricetta versatile, si adatta ad ogni stagione, e se avanza, tanto meglio, perchè si presta a mille utilizzi!

La natura pensa sempre a tutto, e la terra ci dona frutti meravigliosi, ditemi voi se questa teglia non è una vera e propria opera d'arte!

Dunque, iniziamo con la versione estiva

L'arte nel Piatto (Versione Estiva)





6 patatine novelle precedentemente sbollentate e tagliate in 4
300 g di pomodorini ciliegini o piccadilly
1 mazzetto di ravanelli
2 rape rosse
200 g di peperoncini verdi dolci piccoli
4 carote tagliate in 4
4 carote viola tagliate in  4
1 cipolla bianca tagliata in 6 parti

1 cipolla rossa tagliata in 6 parti
1 mazzetto di rucola
1 insalata brasiliana o pan di zucchero a tocchettoni


Unite in una placca rivestita di carta da forno tutte le verdure, la rucola e l'insalata sono importanti , perchè se le mettete sopra diventeranno croccanti, sotto invece belle morbide, quindi decidete voi, a me piace la rucola croccante e l'insalata sotto, morbida che si insaporisce con le altre verurine.
Condite con un filo non troppo abbondante di olio, pepe e sale, possibilmente non macinato finissimo, deve sentirsi il granello.

Infornate fino a cottura, opzione grill, al massimo della temperatura.



La versione autunnale si comporrà da
zucca
castagne
rape bianche dolci
rape bianche amare
radicchio rosso
patate
carote
olive nere
cipolle
aglio
rosmarino

La versione invernale da
carote
patate
rape
funghi misti a tocchetti
cavoletti di bruxelles
verza a striscioline
aglio

La versione primaverile da
porri
cipolline bianche
zicchine
fiori di zucca
patate
carote con il ciuffo
carciofini
sedano rapa


Come utilizzare gli avanzi:
Prima di tutto è improbabile che avanzi, ma gli utilizzi di questo piatto il giorno dopo, sono molti.
Io di solito il giorno dopo lo preparo così:

Per una versione Arabeggiante

taglio a tochetti più piccoli le verdure e le salto in padella con un pizzico di cumino per poi unirle al cous cous

Per una salsa al sapore di Spagna

Frullo tutto con l'olio fino ad ottenere un'emulsione, la utilizzo poi perarricchire bruschette tostate

Per il riciclo dell'avanzo tipicamente Italiano

Lo aggiungo alla pasta,  calda o fredda che sia, o al riso freddo.

Per una stravagante versione in "potage" Francese, sopratutto nei mesi invernali:

Soffriggo due spicchi d'aglio in un filo d'olio in una pentola di coccio, unisco le verdure, un'pò di peperoncino, porto a cottura con brodo vegetale, salo, pepo, unisco un'pò di panna, frullo con il minipimer e servo con due fette di pane agliato bello abbrustolito.






LinkWithin

Related Posts with Thumbnails