L'arte è tutto ciò che nasce dal sogno, e plasmato dalle mani dell'uomo diventa realtà....

mercoledì 11 aprile 2012

Asparagi Fritti

La tentazione di continuare a scrivervi le ricette che sto sperimentando in questi giorni è tanta, ma se non vi posto queste ricette nel tempo giusto col cavolo che trovate gli asparagi selvatici freschi...
Vanno bene anche quelli che al supermercato vendono con il nome di "asparagina" e sono fini e saporiti; questa è una ricetta-non ricetta, del tipo che bastano 2 righe per scrivervi procedimento ed ingredienti, e quindi mi dilungherò un attimo raccontandovi cosa sta accadendo fuori dalla mia finestra, e quello che è "fuori dalla mia finestra" comprende tutta la città di Livorno.
Stamani mattina, sarei dovuta alzarmi pimpate e di buon umore: l'asilo della bimba che ricomincia, io e Luca che oggi festeggiamo il nostro 11° mesifersario, la possibilita di andare all'ipercoop senza la bimba, la possibilità di muovermi più velocemente con le cosine da preparare, l'11 aprile, il periodo in cui ci si inizia a preparare per l'estete, e pensare che un anno fa ero già a prendere il sole...
Ma dovevo capirlo che la giornata non era al top, dovevo capirlo dalla nottata, in cui la bimba, causa vento e pioggia battente (battente sulla sua finestra...) si è sveglita un sacco di volte, più ci mettiamo il gatto che, dato che mi ama tanto, ha pensato bene di lasciarmi una palla di peli sul letto, e Keira che, ad un certo punto, ha preteso di dormire con me perchè aveva fatto un terribile incubo in cui :"nonna guidava un motorino, ma piano piano", ora, capisco che se hai fretta e davanti a te c'è un motorino che guida "piano, piano", quello può essere un terribile incubo, ma Keira ancora mi deve spiegare dove sta il terrore di vedere sua nonna in motorino...
Che poi comunque, si vede che l'incubo era particolarmente spaventoso, la bimba non ha dormito CON me, ma SOPRA di me, e stamani mo sono svegliata ero piena di acciacchi, vabbè, poco male, davanti a me si prospettava una pienissima giornata, quindi mi sonoalzata, e siamo anate all'asilo, ed il tempo...
Non si capiva bene se faceva caldo o freddo, pioveva, poi usciva il sole, poi veniva una raffica di vento che come ti giravi vedevi le persone per strada con gli ombrelli spezzati, tutto questo nel giro di un minuto, poi Luca mi ha dato un passaggio al supermercato, dove ero andata a cercare il trenino dei my little pony a Keira (quello dentro le sorpresissime che è più economico), 25 minuti a cercare sta benedetta scatola, ed alla fine, grazie ad una ragazza gentilissima che è andata in magazzino e mi ha portato le ultime 2 scatole rimaste, abbiamo trovato il trenino, sbirciando dentro le scatole ovviamente!
Non avrei mai pensato di essere così fortunata, e vi dirò, con la passione che avevo da piccola per quelli che all'epoca erano i "Mio Mini Pony" (e la sigla faceva: vooola, mio mini poooony, vooola, dite la verità, mi ci vedete a far la scema in questo mio improvviso ritorno all'infanzia è???!!Che vi devo dire, le sigle dei cartoni animati anni 80' 90' mi fanno quest'effetto ahahahah) adesso evoluti in "my little pony", son sicura che con quel trenino mi divertirò da matti pure io!!
Tutta contenta e soddisfatta, con una grande scatola fucsia con disegnati i mini pony, 2 buste di puntarelle ed un pacchetto di granella di pistacchi mi dirivo al parcheggio dove Luca mi aspettava, dovete sapere che da dentro il supermercato situato all'interno del centro commerciale, non si vede fuori, immaginatevi quindi la sorpresa quando ho realizzato che erano le 10:20 di mattina e dalla vetrata davanti alle scale mobili si vedeva solo un velo grigio degno del più grigio e piovoso pomeriggio inoltrato invernale (sembravano quasi le attuali 20:30)...
Pioggia, tanta pioggia, ma aiutatemi a dire tanta, veniva giu mista a chicconi di grandine, creando un "velo di pioggia" che più che "velo" era un piumone...
Con delle gocciolone che sembrava tiressare giu dal cielo secchiate d'acqua, ed un rumore così forte che in macchina dovevamo urlare per poterci parlare, altro che pioggia battente!!
Dei lampi che giuro non ho mai visto così enormi, ma cicciottosi, ENORMI, mi sembrava di essere una bambina di fronte al suo primo temporale, in quel momento io ero troppo piccola, la terra era troppo piccola, per supportare un temporale così enorme, che nel giro di qualche minuto ha tirati su una piccola marea grigiastra di acqua sull'asfalto, sembrava di navigare in un fiume grigio che in realtà era solo strada....
Ma veramente siamo ad Aprile?!
Il bello poi l'ho scoperto a casa, dove quei miseri 3 cm scarsi di veranda aperta (con zanzariera fitta fitta chiusa) hanno fatto si che io trovassi l'acqua pure in cucina, il terrazzo letterelamente allagato, ed un casino che non vi dico...
Ma va bene, Luca mi ha regalato le amarene, che non sono le ciliege fresche che volevo, ma vanno ugualmente bene, e finalmente adesso potrò metteremi a preparare la ricetta per il contest di Eleonora!
Nonostante tutto, il sole sta facendo capolino e per me è ancora una splendida giornata, non vedo l'ora di andare a prendere la bimba all'asilo per vedere che faccia farà quando le darò il trenino !!!!

Asparagi Fritti


Asparagi
Farina (facoltativa)
Olio di semi
Sale

Scaldate in un pentolino abbondante olio di semi,
Preparate gli asparagi, che andranno infarinati solo se decongelati, per togliere l'acqua in eccesso e far si che si formi la crosticina croccante.
Tuffate gli asparagi nell'lio bollente, e quando inizieranno a scurirsi scolateli, salateli e serviteli, croccanti e bollenti, una delizia!!!!!

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails