L'arte è tutto ciò che nasce dal sogno, e plasmato dalle mani dell'uomo diventa realtà....

giovedì 21 novembre 2013

Colazione da Tiffany Ovvero: Quando il muggine diventa chic - Brioches di muggine e "cappuccino" alle acciughe

Ieri vi ho chiesto di esprimere la vostra preferenza sulla tipologia di ricetta che avreste preferito vedere oggi in queste pagine, con mio enorme piacere ha vinto il salato, bhè, si sa, io preferisco cucinare il dolce, ma in quanto a gusto amo di gran lunga di più il salato.
E salato sia!

Sono felice che abbia vinto il salato anche perchè così ho la possibilità di svelarvi, finalmente, dov'ero lunedì sera...

Voi sapete cos'è Fish & Click?
E' una bellissima iniziativa della Cooperativa S. Maria Assunta di Livorno, che io ho conosciuto grazie a Cristina Galliti, che quando si parla di pesce ne sa sempre una più del diavolo!
Conoscevo la Cooperativa Santa Maria Assunta, ci lavorava un mio amico, e ci compravo sempre dell'ottimo pesce, ma di questo straordinario servizio non ne sapevo niente, in pratica, ti portano il pesce a casa tua, basta ordinarlo con un semplice click e scegliere l'orario, comodo no?
Per adesso questo servizio è disponibile soltanto per la città di Livorno, ma chi lo sa cosa bolle in pentola, probabilmente verrà esteso anche ad altre località, il progetto è cofinanziato dall'Unione Europea , dalla Regione Toscana e dal Ministero per le Politiche Agricole e Forestali..
Come ordinare?


Semplice, tramite il sito www.coopsma.it/acasatua oppure  telefonando al 0586 426751 dale 8 alle 12 o dalle 14 alle 17, ed avrete la garanzia di avere sempre pesce fresco direttamente a casa vostra.
Comunque, giorni fa, Cristina mi ha contattata dicendomi che, per promuovere il consumo di pesce povero, la Cooperativa avrebbe organizzato dei corsi gratuiti, ed io, come potevo farmi sfuggire una simile occasione?

Se volete partecipare anche voi sappiate che i corsi sono gratuiti, e si terranno dalle 18.30 alle 20.00 nei giorni:
Lunedì 11 Novembre 2013
Lunedì 18 Novembre 2013
Lunedì 25 Novembre 2013
Lunedì 2 Dicembre 2013
Lunedì 16 Dicembre 2013
Martedì 17 Dicembre 2013
Lunedì 27 Gennaio 2014
Lunedì 3 Febbraio 2014
Lunedì 10 Febbraio 2014
Lunedì 17 Febbraio 2014
Martedì 25 Febbraio 2014
Lunedì 10 Marzo 2014
Lunedì 17 Marzo 2014
Martedì 25 Marzo 2014
Lunedì 31 Marzo 2014


Presso il punto vendita della Pescheria Coop. S. Maria Assunta nel Centro Commerciale "La Leccia", in Via Giotto 63 a Livorno.
Al termine del corso verrà offerto ai partecipanti un omaggio di pesce.


E così, lunedì sera, ho avuto il piacere di incontrare persone che non vedevo da tempo e di conoscerne di nuove, uuna serata indimenticabile, ma iniziamo per bene, e dall'inizio....

Io e Keira, mia figlia, che nonostante i suoi 6 anni, si è dimostrata particolarmente interessata ai pesci, ci siamo trovate, presso il punto vendita della Cooperativa alla Leccia, a Livorno, ci hanno raggiunte Cristina di Poveri ma belli e buoni, Silvia di Pane e Pomodoro, ed Enrica di Una cena con Enrica, li poi ho conosciuto anche Daniela Mugnai, che poi ho scoperto essere la coordinatrice di questo bellissimo progetto di rivalutazione del pesce dimenticato.


A farci da maestro il bravissimo Andrea Catarsi, che con grande maestria ha presentato i pesci a disposizione, il preferito di Keira senza dubbio è stata la murena, che da giorni ormai cerco di una dimensione ragionevole per preparare una ricetta un'pò particolare, ma c'erano altri pesci, la temutissima tracina, la murena, i sugarelli, le occhiate, che quando ero piccola inseguivo nei mari azzurri dell'Istria, le boccacce, (mammamia quante ne abbiamo trovate all'Isola D'Elba quest'estate), le salpe ed i muggini, che io di solito compro sperando di trovarci le uova per farci la bottarga.....

Andrea, capacissimo, dall'alto della sua esperienza, ci ha spiegato minuziosamente come riconoscerli, come assicurarsi che siano freschi. come e quando si pescano certe tipologie di pesce, voi lo sapevate che la tracina è buona cruda?
Io non lo sapevo, e si che io crudo mangerei qualsiasi cosa, non vedo l'ora di provarla!

Il pesce viene pulito e sfilettato, e poi arriva il momento dell'assaggio, delle deliziose focaccine, gradite da tutti, farcite con cefalo, preparato semplicemente spadellandolo con cipolline, olive nere, pinoli e sfumato con il vino bianco, con sopra un filo di glassa al balsamico, delle focaccine piaciute veramente a tutti!!!

Finito il corso  in compagnia di Cristina, Silvia e Daniela, ed ovviamente dell'affamatissima Keira, siamo andate a mangiare una pizza ed a spillaccherare un'pò, una serata davvero piacevolissima!

Alla fine del corso ci hanno dato la possibilità di scegliere un omaggio di pesce, io ho scelto il muggine.
Sapete come l'ho cucinato?

Dato che a me e Keira la focaccina di Andrea è piaciuta proprio tanto, ho pensato di rivisitarla un'pò...

Colazione da Tiffany
Ovvero: Quando il muggine diventa chic - Brioches di muggine e "cappuccino" alle acciughe


Per il ripieno

300 g di polpa di muggine
2 cucchiai di pinoli
50 g di olive taggiasche Roi
1 cipollina bianca
1/2 bicchiere di vino bianco secco
sale e pepe
2 cucchiai di olio Roi

Tritate la cipolla e soffriggetela nell'olio, unite la polpa di muggine tagliata a tocchetti, le olive denocciolate e sfumate con il vino.
Infine unite i pinoli, aggiustate di sale e di pepe, fate raffreddare.


Per la Sfoglia in 10 minuti

120 g di burro freddo
130 g di farina 0 + 50 g per lavorare l'impasto
60 ml di acqua
3 g di sale

1 cucchiaino di sale all'aceto Balsamico Home Made

Unite nel robot a lame la farina, il sale ed il burro freddissimo tagliato a cubetti.
Unite l'acqua a temperatura ambiente e lavorate per pochi secondi, fino ad ottenere un impasto omegeneo.
Trasferite in frigorifero per una manciata di minuti, quindi stendete l'impasto sul piano dal lavoro con il mattarello, ripiegatelo più volte su se stesso e stendetelo.

Stendete la pasta, ricavate dei triangoli, farciteli con il muggine ed arrotolateli su se stessi.
Spennellate con tuorlo o albume leggermente sbattuto ed ultimate con qualche granello di sale all'aceto balsamico


Per il "cappuccino" di acciughe


1 noce di burro
2 cucchiai di farina
100 ml di panna
250 ml di latte
3 acciughe sotto sale
sale e pepe


Ricetta semplicissima, ho fatto dorare una noce di burro in un pentolino, ho aggiunto la farina, allungato con latte e panna, aggiunto le acciughe e frullato con il frullatore ad immersione, quindi ho fatto addensare, ho salato e pepato e diposto nelle tazze che ho guardnito con poca panna leggermente montata ed una spolverata di sale all'aceto balsamico.



3 commenti:

  1. senza parole...anzi una sola STREPITOSA!!!!
    BACI
    Cris

    RispondiElimina
  2. Una fantasia senza limiti e una rivisitazione troppo carina! Non oso immaginare quanto sono buoni questi cornetti! Brava Shamira e grazie a te e a Keira per la piacevolissima compagnia!

    RispondiElimina
  3. Ma complimenti ! ! !
    Davvero brava :-)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails