L'arte è tutto ciò che nasce dal sogno, e plasmato dalle mani dell'uomo diventa realtà....

giovedì 23 maggio 2013

Primo giorno a Varsavia Sabato 18/05/2013 - I miei 26 anni

Eccomi tornata da Varsavia....
Come dopo ogni viaggio vi aspetta il racconto della nostra vacanza...
Come alcuni di voi sapranno, il mio compleanno cade il 18 maggio, e quello di Luca, il mio ragazzo, il giorno dopo, il 19, in più, pochi giorni prima del nostro compleanno cade la data del nostro anniversario, ed ormai da un paio d'anni, in queste date, noi partiamo.
Il viaggio di maggio, come tutti quelli fatti fino ad oggi, mi sono stati regalati dal mio fidanzato, vi ricordate la nostra prima vacanza insieme?
Non mi disse la metà fino a che non eravamo in aeroporto!
Mi aiutarono mia mamma e la mia amica Vronica a far la valigia, perchè io davvero non sapevo cosa mi aspettava, se mare o montagna,  caldo o freddo, e poi, finimmo a Barcellona!
Questa volta invece, un paio di mesi fa, Luca ha prenotato un viaggio per Varsavia, che poi VArsavia non era la nostra prima scelta, ma la voglia di partire era così tanta che saremmo andati ovunque, e quindi,Varsavia!
Il mio fidanzato c'era già stato un paio di volte, ma per me era la prima, e non sapevo bene cosa ci sarebbe stato in Polonia ad attendermi, di certo non mi aspettavo temperature così alte, da piena estate, tanto che andavamo in giro in infradito e maglietta, tanto che, siamo tornato abbronzati!
E mentre in Marocco c'erano 18' il 18 maggio, noi c'è ne godevamo più di 30'.

Primo giorno a Varsavia
Sabato 18/05/2013
I miei 26 anni:



Partenza da Pisa in tarda mattinata, arrivo a Varsavia per l'ora di pranzo.
Il volo è stato un'pò turbolento, ma abbiamo fatto davvero prestissimo, il cielo era limpido ed abbiamo sorvolato Venezia e Vienna.
Appurato che per me il polacco è incomprensibile, a parte qualche sporadica parola, cambiamo i soldi ed usciamo dallo Chopin, il meraviglioso, grandissimo e luminosissimo aeroporto centrale.
Direzione cittá vecchia.
Prendiamo il bus, ed iniziamo a contare le fermate che ci separano dal nostro appartamento.
Intanto fuori dal finestrino, tanto sole, prati verdissimi e curatissimi, viali alberati, parchi...
Il tragitto in bus non è durato molto, ed in una manciata di minuti siamo arrivati in centro.
Abbiamo preso le chiavi e poi ci siamo diretti all'appartamento, posizione centralissima, a soli 20 secondi a piedi dalla piazzetta con la sirenetta, centro della cittá vecchia.
Affamati ci fermiamo a prendere il classico panino polacco, la  zapiekanka, e chi si aspettava mezzo metro metro di panino!'


Lo fanno con cipolla, funghi, formaggio, e salse varie, costa pochissimo ed è super croccante, sqisito, tra qualche giorno vi darò la ricetta, certo, magari farlo così grande è un'pò eccessivo ahahah.
Posiamo i bagagli nel nostro appartamento, un cambio veloce di vestiti e via, all'avventura!


Percorriamo nowy swiat, una via lunghissima e molto grande, costellata di piccoli banchetti che vendono rose gigli e tulipani, signore anziane sedute su muretti, munite di cestini, che per poco meno di 1€ vendono mazzolini di bucaneve, a metà strada incontriamo tantissime persone, intente a ballare e cantare, una manifestazione organizzata dalla chiesa, festosissima, mica come in Italia dove per strada quando si tratta di chiesa, si trovano solo anziani che seguono una croce a passo di lumaca...


Varsavia è fantastica,, un mondo dentro un mondo, a pochi passi dalla città vecchia ecco la città nuova, con grattacieli e zloty tarasy, un centro commerciale a più piani talmente grande che si vede anche dal satellite, è enooorme, ed il tetto è una grandissima onda di vetro, fantastico!



Sosta tè freddo alla pesca con pezzetti di melone al Bali Cafè, e poi di nuovo in marcia, una maratona in pratica.


Stanchi ma felicissima ci siamo riavviati verso il nostro appartamento, e, di nuovo in nowy swiat ci siamo imbattuti in un'altra manifestazione, questa volta di ciclisti,




vestiti con abiti d'epoca, e li cominciavamo a capire un'pò meglio lo spirito di Varsavia, e mentre una ragazza regalava penne, un'altra ci fermava per regalarci sacchetti di cioccolatini,


un'altra ancora ci invitava al museo del miele e del latte donandoci deliziose caramelle morbide al mou.
Cena!!!




In centro a Varsavia è difficile trovare del pesce, si trovano con facilità cosciotti alla birra con contorni di patate arrosto, carni servite con mele arrostite e salse di mirtilli rossi, ma per chi non ama la carne, Varsavia offre delle fantastiche zuppe di funghi selvatici servite in cocottine di pane!
Per non parlare delle insalatone con un sacco di germogli!


Dopo una cena velocissima al ristorante, usciamo e troviamo un concerto nella piazza grande, per strada centinaia di persone, intente a far festa, musica,  ragazzi ad ogni angolo di strada che suonavano o cantavano, e litri di birra, una birra strepitosa, fantastica birra!!!


Sarei stata volentieri tutta la notte, ma Luca era stanco e siamo tornati a casa, dove ci siamo addormentati di colpo....



1 commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails