L'arte è tutto ciò che nasce dal sogno, e plasmato dalle mani dell'uomo diventa realtà....

domenica 26 maggio 2013

20 maggio 2013 - Terzo Giorno a Varsavia

Oggi ho capito che è davvero il caso di ricominciare a scrivere il blog, e on il fantastico regalo che mia mamma mi ha fatto per il compleanno, (l'ipad) sarà ancora più facile, e spero di poter fare un buon lavoro.
Da un fantastico regalo all'altro, perchè con oggi, arriviamo al racconto del terzo giorno a Varsavia, il regalo che Luca, il mio fidanzato, mi ha fatto per il compleanno.

Lunedì 20 maggio 2013
Terzo Giorno a Varsavia

Forse la giornata più impegnativa, perchè una tappa imperdibile per me, era il muro del ghetto.
Varsavia è stata quasi completamente distrutta dai Tedeschi, e solo due piccole parti del muro sono rimaste intatte, penso che sia giusto far vedere queste cose, per non dimenticare mai.
Mi sento molto legata a questa parte della storia, forse perchè, mentre i nonno degli Ebrei di oggi venivano portati nei campi di concentramento e rinchiusi nei ghetti, in Istria, quando mia nonna era una bambina, portavano la gente alle foibe, ed il sentire i racconti da chi l'ha vissuta in prima persona, penso che sia una cosa che segna particolarmente.


Il muro è nascosto, e per vederlo è necessario entrare nel cortile di un condominio, noi siamo stati fortunati, abbiamo incontrato un Palermitano, che aveva la moglie Polacca, che ci ha portati fino al muro, ed ha tradotto per noi i racconti del signore che vedete in foto, lui, ha 93 anni, ha vissuto entrambe le guerre, e ci ha raccontato di quando era nell'esercito Polacco in tempo di guerra, del muro, e di come era il ghetto, ad oggi, sul muro c'è ancora il filo spinato.
Lui, si è prefissato di seguire una missione, raccontare la sua storia e curare il muro, così che, le generazioni future, possano conoscere la storia.


Una tappa triste ed importante, che ci ha portato via parecchio tempo, passato in silenzio ad ascoltare il fruscio delle foglie, lo strano silenzio che regnava nel cortile, nonostante fosse a due passi dal centro della città nuova...


Pausa pranzo, in un ristorante del centro commerciale, birra al lampone, fantastica, e carpaccio di salmone con germogli di girasole, super croccanti.


Il caldo ed il sole intanto lasciano il posto ad un temporale passeggero, che ci sorprende a pochi minuti dal nostro appartamento.
Ormai zuppi arriviamo in piazza, ed ecco che riesce il sole, ed in pochi secondi il caldo, ed ecco che, accaldati ed asciutti, ci fermiamo al sole per un'altra birra, sempre con sciroppo di lamponi.


Un'pò di sano shopping e poi via a prepararsi per la cena.


Per cena andiamo al Senator, un ristorante che non ha neanche un sito internet, ma, se andate a Varsavia dovete assolutamente fermarvi a cenare li!


Si spende poco e si mangia divinamente!!!!!
Ultimo giro tra le vie di Varsavia illuminate e poi a rifare la valigia....


Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails