L'arte è tutto ciò che nasce dal sogno, e plasmato dalle mani dell'uomo diventa realtà....

lunedì 19 novembre 2012

Diapositiva di 20 anni fa

Oggi all'asilo di Keira si è svolto il primo laboratorio delle Pigotte, un anno fa decisi di fare Audrey in Colazione da Tiffany, e quest'anno ho deciso di fare la Sissi.
Per adesso qui davanti ho una bambola bianca, e sono nel panico più totale per fare il vestito, visto che, non so cucirmi neanche un bottone.
Perchè lo faccio se non so cucire?
Perchè a me piacerebbe tanto saper cucire!
Ed ho un sacco di immaginazione, tanto che vorrei farmi un sacco di cose da sola, ma a parte il punto croce, niente da fare, sono proprio negatissima...
Ogni tanto però mi vengono fuori queste genialate, tipo la mia borsa pianoforte, che è venuta benissimo, e che mi ha fatto ricevere un sacco di mail dove mi chiedevano a quanto la vendevo....
No, non la vendo, ci ho messo anni a cucirla tutta, punticino per punticino, perchè qui di macchine da cucire ne abbiamo 2 e pure una taglia e cuci, ma non so proprio come usarle....
Vabbè, comunque voglio provarci, anche perchè un anno fa Audrey venne fuori splendidamente, o almeno, per me era splendida!
Mia nonna, Etta, era davvero bravissima a cucire, peccato che non me lo ha mai insegnato..
Quest'estate, chi mi segue lo sa, mio nonno ha avuto dei problemi di salute, e così io e Keira stavamo a casa sua molto più spesso.
Così la mattina mi fermavo a far la spesa e poi andavo li.
Una mattina, ho trovato dei bellissimi pomodori, e mi sono ricordata di quando mia nonna, quando avevo l'età di Keira, mi preparava il succo di pomodoro, mi ci metteva un abbondante cucchiaio di zucchero, e poi me lo serviva, mentre io attendevo sugli scalini di mattone in giardino.
A volte si metteva seduta accanto a me e sorseggiavamo insieme quella delizia, così, ho indossato un suo vestito per mettermi a lavoro ed armata di tanta pazienza, mi sono messa a passare i pomodori.


Ho chiamato Keira a rapporto, che diligente come al solito si è seduta senza obbiettare sugli scalini, e le ho portato il succo.
Mi sono seduta accanto a lei ed è stato un viaggio nel tempo, esattamente 20 anni fa, quando io avevo la sua età, 5 anni, ero seduta nello stesso posto, con quel bicchiere bordato di celeste, a bere il succo accanto a mia nonna, che indossava il vestito che indossavo io in quel momento...
A volte sono le piccole cose a renderti veramente felice, come lo zucchero che scricchiola sul fondo di un bicchiere di succo di pomodoro.....




3 commenti:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails