L'arte è tutto ciò che nasce dal sogno, e plasmato dalle mani dell'uomo diventa realtà....

giovedì 11 novembre 2010

Cucina molecolare - La Lecitina nel pane

Eccoci arrivati alla 4° puntata della mia rubrica sulla cucina molecolare,
l'obbiettivo?

52 settimane
8760 ore
ovvero 1 anno di post,
questa è la mia sfida personale, ci riuscirò?

Quest'oggi vi parlerò ancora di quella magica sostanza che pian piano abbiamo imparato a conoscere: La Lecitina, non preoccupatevi, passeremo presto ad un argomento nuovo, e abbandoneremo la lecitina non appena vi avrò spiegato cosa ci fa nell'impasto per la pasta, cosa ci combina con i ravioli e come fa a sostituire i tuorli...

Ad ogni modo, 2 giorni fa ho testato una ricetta del pane che faccio spesso con l'aggiunta di lecitina, il risultato è stato ottimo e salutare, perchè, non mi scorderò mai di ricordarvi che la lecitina è:

ricca di vitamine, aiuta a smaltire i grassi
ed a combattere il colesterolo,
serve in occasioni di affaticamento mentale per tirarsi un'pò su
serve quindi ad aumentare la concentrazione

Utile no?



Ho utilizzato come ricetta base, il pane della 1/2 ora delle Simili, vi avevo già postato la ricetta, ma ad ogni modo eccola qua:

800gr di manitoba
200gr di acqua tiepida
36 gr di lievito di birra
200ml di latte
30 gr di burro
2 cucchiai di zucchero
3 cucchiai di sale

Impastare: il latte tiepido con il burro, il sale, la farina, il lievito sciolto in poca acqua e tutti gli ingredienti.
Fate lievitare fino al raddoppio.
Sbattetelo sul piano di lavoro, e impastatelo a mano,disponete il filone in una teglia rivestita di carta da forno, infornate, accendete il forno per un minuto,spenetelo, e poi fate riposare per 30 minuti.
Quindi, senza aprire il forno mettete la temperatura a 200° per 40/45 minuti, se vedete che diventa scuro troppo in fretta copritelo con della carta da forno.

Ed ecco le modifiche :

Ho seguito alla lettera il procedimento che vedete sopra, soltanto che, ho unito il latte tiepido con il burro ed un cucchiaino di lecitina di soia e poi ho proceduto come di consueto.

Forse vi starete chiedendo perchè fare il pane con l'aggiunta di lecitina...

Bhè, a parte che è più salutare, si conserva più a lungo, molto più a lungo, la crosticina viene bella croccante e con il passare delle ore (oppure il giorno dopo o quello dopo ancora) non prende umidità e rimane croccante come appena sfornata, e la mollica è super-morbidissima, che ne dite, ci proviamo?


18 commenti:

  1. spero di si perche'mi piace molto leggerti!!!

    RispondiElimina
  2. Sai che ieri ho finito il corso di Adriano e PAoletta sulle panificazioni (tra l'altro un corso bellissimo!!!!) e ci diceva appunto che in si può usare la lecitina.... e ci ha anche spiegato come inserirla nell'impasto, dal momento che in commercio la troviamo in granuli.... va ridotta in polvere, con un mixer. Un abbraccio ciao

    RispondiElimina
  3. :) grazie per i consigli!Sempre ottimi e apprezzatissimi!
    Baci

    RispondiElimina
  4. @Mirtilla: grazie grazie ^^

    @EliFla: Bravissima, vedi, mi ero dimenticata si specificarlo di polverizzarla!!
    Ormai per me è automatico XD
    Scusate la dimenticanza...

    @Cranberry: perchè ancora non sai cos'ho in serbo per voi!!
    Un sacco di cosine così interessanti che fanno apparire questa della lecitina nel pane completamente inutile ahahahhaahha

    RispondiElimina
  5. ciao elifla, che postazione avevi al corso di Adriano e Paoletta?
    Io sono la più vecchiotta in fondo al tavolone vicino al ragazzone alto....

    Per quanto riguarda questo pane e la sua genuinità, mi permetto di fare un paio di considerazioni (spero che vengano prese per costruttive e non ritenute una critica fine a se stessa).

    Manitoba: farina forte e bisognosa di lunghissime lievitazioni per diventare digeribile
    Lievito di birra: molto meglio sostituirlo con lievito madre o almeno usarne moooooolto meno per una quantità così. Basterà arrivare al raddoppio in più tempo...

    A quel punto avremo un pane che - con la tua lecitina - sarà effettivamente salutare...

    ciao e buon lavoro a tutti
    Linda

    RispondiElimina
  6. Caro Anonimo...
    Anzi, cara Linda, le tue considerazioni sono giustissime, ed hai fatto benissimo a farle!!!
    Non uso spesso la manitoba, ma ho ri-postato la ricetta originale, di solito se la uso ne uso una minima parte, e giusto quando ho tempo.
    Per il lievito di birra aimè lo so è una mia grandissima pecca, non ho mai molto tempo quindi tendo a sostituire il lievito madre con grandi quantità di lievito di birra...
    Ma hai ragionissima ^^

    Spero di riavere le tue "critiche" costruttive, che poi io chiamerei "consigli molto apprezzati" tra le pagine del mio blog...
    A presto!!!

    RispondiElimina
  7. avendo letto i commenti faccio la domanda da ignorante in tema di panificazione! ho del lievito madre in freezer che ho provato a fare l'anno scorso, quanti giorni prima dovrei tirarlo fuori per fare il pane? con cosa lo rinfresco (intendo che tipo di farina uso?)? e poi, quanto ne dovrei usare per queste dosi? al posto della farina manitoba posso usare quella integrale o anche quella di grano saraceno? stesse quantità o cambiano?
    grazie per l'eventuale risposta! :) e complimenti per il tuo blog! è fantastico!!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails